M come Molestie Morali

M. si mostrava sempre disponibile, accogliente, affidabile e stimolante e questo gli ha permesso di creare il suo personaggio e una certa confusione in me già insicura.

M. mi definiva border-bipolare e così mi presentava agli altri. Mi arrabbiai per questo ma lui mi convinse che fosse giusto. Avevo interiorizzato così bene le contraddizioni dell’amore perverso materno che evidentemente faticavo a riconoscerlo negli altri e a difendermene. Il clima di dubbio circa la mia sanità mentale si insinuò in me e in chi ci frequentava. 

Qualsiasi nostro confronto era stroncato da lui in partenza.

Dopo anni, esasperata, smisi di assecondare le sue perversioni sessuali chiedendo che venissero rispettati i miei limiti come io avevo accolto le sue fantasie senza giudizi e, non ascoltata, alla fine smisi di andarci a letto. Fui insultata e accusata di non sapermi lasciare andare perché non volevo scopare con altre donne o farmi frustare tutte le volte legata e appesa ad un chiodo del soffitto.

Tradirlo prima di lasciarlo fece sì che ancora una volta lui apparisse come una vittima e io quella fuori controllo. Disse agli amici più stretti che mi sperava felice mentre mi scriveva mail terrificanti in un ultimo tentativo di distruggermi.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

Create a website or blog at WordPress.com

Up ↑

%d bloggers like this: