Saldare i propri debiti

‘Signore, signore, beato lei che è fuori, a me mi tengono sempre in casa’. Sento una mano afferrarmi per un’orecchio e cerco di non inciampare mentre rientro in casa trascinata da una forza superiore.

Con mia madre non ha mai funzionato. Non avevamo niente in comune, neppure l’affetto ci legava. Lei mi tollerava perché mi aveva voluta mio padre e fosse stato per lei avrebbe abortito come le volte precedenti ma mio padre a suo avviso era persino peggio di lei così mi ha fatto un favore tenendomi con sé.

Io ero riconoscente e capivo tutti i sacrifici che faceva per me per sopportarmi.

Ho imparato presto a cercare di occupare il minor spazio possibile ma essendo piuttosto maldestra ogni giorno ero una disperazione per lei.

Ricordo che si sforzava di portarmi con sé ma poi di tanto in tanto mi lasciava in macchina da sola e di notte mentre lei andava in giro con gli amici o a spiare il suo uomo. Mi salutava con un sorriso compiaciuto per quanto fossi una bambina ben adattata al suo stile di vita.

Una volta cresciuta ha preteso gli interessi e a 32 anni ho deciso di aver saldato il debito.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a website or blog at WordPress.com

Up ↑

%d bloggers like this: